Verso quale città?

004 Nutri-Menti

George Grosz, Metropolis, 1916

Questo testo rielabora un intervento di presentazione del ciclo di incontri Nutri_Menti, organizzato nel marzo 2017 a Roma nel barcone sul Tevere della Società Romana Nuoto , congiuntamente dalle associazioni culturali Laura Lombardo Radice e Il sogno di Roma

Molte discussioni sul destino urbanistico delle città, come, ad  esempio, quella che si è accesa in questi mesi a Roma a seguito della vicenda dello Stadio di Tor di Valle, penso siano riconducibili ad un diverso rapporto che si può avere rispetto alla modernità, che alcuni, erroneamente, vedono in contrapposizione con la salvaguardia dei valori consolidati di una città storica.

003 Nutri-Menti

Tornando indietro alla metà dell’Ottocento, mi piace ricordare il concetto di modernità espresso da Baudelaire (saggio del 1863, “Le peintre de la vie moderne”): La modernità è il transitorio, il fuggitivo, il contingente, la metà dell’arte, di cui l’altra metà è l’immutabile. […] Affinché ogni modernità acquisti il diritto di diventare antichità, occorre capirne la bellezza misteriosa  che la vita umana vi immette.

Per il poeta francese è proprio la metropoli, sia con i suoi aspetti immateriali, e cioè la qualità della vita, sia con quelli materiali, ovvero le sue forme costruite , il luogo in cui la modernità, nel bene come nel male, si presenta con evidenza.

00-01_eerste_ciam-congres_1928_groepsfoto1

Gli architetti del CIAM a La Sarraz, 1928

All’inizio del Novecento, con lo straordinario rinnovamento delle arti, aveva preso corpo anche un nuovo modo di intendere l’urbanistica. Nel 1933 gli architetti, che si riunivano periodicamente nei Congressi Internazionali di Architettura Moderna (CIAM), scrissero un manifesto – La Carta di Atene – che definiva i caratteri fondamentali della città moderna per valorizzare la qualità dell’ambiente e della esistenza umana. La città infatti non sarebbe più stata costituita da case allineate lungo le strade e da piazze con edifici pubblici come era stata pensata per secoli; bensì suddivisa in zone monofunzionali (residenziali, lavorative, ricreative, a verde e sport, ecc…); la viabilità non sarebbe stata più su un unico livello, ma differenziata in quote diverse separando la circolazione pedonale da quella veicolare e da quella ferroviaria.

007 Nutri-Menti

Questi criteri, eversivi rispetto al passato, nella prima metà del XX secolo portarono buoni risultati nelle città dei paesi europei allora più avanzati (Olanda, Germania, Austria…) ove nacquero quartieri di grande qualità architettonica e sociale (L’Amsterdam Zuid; i nuovi quartieri della Francoforte di Ernst May,

008 Nutri-Mentiquelli di Berlino di Bruno Taut e gli Höfe di Vienna). Le stesse idee invece rimasero sulla carta quando si tentò di trasferirle nella grande dimensione di parti urbane o di intere città di fondazione. Ci sarebbero riusciti solo Le Corbusier e Niemeyer, ma più tardi, dopo la seconda guerra mondiale e fuori Europa, con risultati peraltro discutibili.

Attorno alle esperienze europee, soprattutto a partire dagli anni Venti si sviluppò una grande fiducia nello sviluppo della tecnologia e nel progresso accompagnata da conquiste civili e sociali.

010 Nutri-Menti

L’Esposizione Universale 1942, Roma

In alcuni paesi le esperienze moderne arrivarono più tardi. Tra questi l’Italia. Nonostante anche da noi ci fossero grandi architetti, l’architettura e l’urbanistica moderna trovarono con il Fascismo prima difficoltà, poi consenso, poi ancora una declinazione monumentale. Ma in Italia la città moderna fu percepita sin dall’inizio come contrapposta alla tradizione della città storica.

011 Nutri-Menti   012 Nutri-Menti   014 Nutri-Menti

Poi c’è stata la guerra, la guerra fredda, un nuovo urbanesimo, la rivoluzione digitale, l’inquinamento ambientale, il terrorismo, la crisi economica, le diseguaglianze in crescita, le immigrazioni, ecc… Scienza e tecnologia non sono più viste come progresso ma come pericolo. Ogni cambiamento spaventa: è scomparsa la grande fiducia nella modernità.

015 Nutri-Menti   World Trade Center Attacked   017 Nutri-Menti

In Italia a questa condizione planetaria si aggiunge la grande insoddisfazione per la condizione della città. Prima con la spinta del “miracolo economico”, poi con la cattiva politica e la corruzione e nonostante i richiami della parte più sensibile della cultura urbanistica italiana, le città italiane – soprattutto le grandi città –  sono cresciute male, compromettendo sia i beni architettonici che quelli ambientali. L’espansione urbana proliferava all’esterno dei perimetri urbani invadendo il paesaggio: era lo sprawl, la città diffusa, la conurbazione incontrollata del paesaggio.

025 Nutri-Menti

l’urbanizzazione diffusa vista di notte dal satellite

Certamente la decadenza di Roma è l’effetto di una politica inadeguata, del malaffare e del clientelismo. Ma sarebbe semplicistico fermarsi qui. Occorre sfatare il valore salvifico dello strumento urbanistico del “Piano Regolatore”. Il P.R.G. è lo strumento previsto dalla legge che pianifica lo sviluppo e la trasformazione della città in ambito edificatorio, di tutela, di servizi e di infrastrutture. A Roma è nato 150 anni fa, nel 1865, prima ancora che venisse completata l’unità d’Italia.

Ma, da una parte, sono diventati inadeguati i due strumenti fondamentali su cui poggia un P.R.G. La zonizzazione; e cioè la suddivisione del territorio in zone con una unica destinazione d’uso; questo vuol dire che ogni area può essere o solo residenziale, o solo a servizi pubblici, o solo direzionale ad uffici. Il risultato è affollamento e caos di giorno, e deserto e abbandono di notte, o viceversa. La normativa tecnica; e cioè la predeterminazione di cubature e vincoli solo quantitativi, che affidano a fasi successive e quasi sempre ai privati la restituzione architettonica finale,e, quindi, la qualità.

031 Nutri-Menti  023 Nutri-Menti  033 Nutri-Menti

Dall’altra, soprattutto a Roma, l’attuazione dei P.R.G. è stata ostacolata e talvolta bloccata da continue varianti, dovute a tre fattori: la speculazione edilizia, ad opera di società immobiliari e dei cosiddetti palazzinari romani; l’abusivismo dovuto alle immigrazioni urbane del dopoguerra, prima tollerato poi sanato quando ormai i danni erano fatti; l’invisibile, ma sostanziale, variante nelle destinazioni d’uso, edificio per edificio o appartamento per appartamento, che ha trasformato illegalmente in aree per uffici le aree residenziali centrali (dentro e fuori dalle Mura Aureliane), creando caos di viabilità e parcheggio.

E’dunque tramontata l’utopia urbana del XX secolo senza che si sia consolidata una visione alternativa, una nuova modernità. Ma demonizzare l’intervento privato presupponendo una contrapposizione insanabile tra l’alleanza della politica con il capitale da una parte e la lotta per i diritti urbani dall’altra, significa, di fatto, conservare lo stato di fatto, lasciando campo libero alla speculazione. E’ una illusione pensare di redimere la città solo combattendo la rendita.

Arroccarsi su questa posizione di principio, come accade ad alcuni intellettuali che, dietro l’alibi della tutela e dell’interesse pubblico, nascondono una visione conservatrice se non addirittura reazionaria della città, significa confondere le necessità con i fenomeni. Secondo loro la modernizzazione sarebbe il male perchè coinciderebbe con il degrado; le nuove articolazioni del sistema di imprese sarebbero il male perchè coinciderebbero con la corruzione; gli interventi di trasformazione urbana sarebbero il male, perchè impedirebbero un disegno equilibrato della città.

Una conseguenza di queste posizioni è che il dibattito si è riempito di terminologie improprie. Definire ogni ipotesi di trasformazione urbana una “colata di cemento”; le grandi opere uno “spreco”; tutti gli edifici sviluppati in altezza “ecomostri”; la modernità come “decadenza”; l’accordo con i privati un nuovo “sacco di Roma”; e gli architetti come i “primi responsabili” delle brutture delle città; oltre ad essere di cattivo gusto, crea solo confusione tra ciò che è giusto o sbagliato e tra ciò che è legittimo o illegittimo.

037 Nutri-Menti   036 Nutri-Menti   034-a Nutri-Menti

In una condizione di forte crisi e con tanti dubbi, oggi, con qualche approssimazione possiamo sintetizzare così i punti di vista sul futuro delle città:

040 Nutri-MentiUn primo pensiero fa riferimento a grande scala ad una riforma degli strumenti urbanistici per il governo del territorio, e a piccola scala alla riduzione delle prospettive di trasformazione fisica delle città (decrescita urbana). Questa strategia, forte di contenuti etici e sociali, punta prioritariamente sull’intervento pubblico, rischiando di arenarsi di fronte alle difficoltà finanziarie delle amministrazioni locali.

041 Nutri-Menti.jpg

Un secondo pensiero punta a trasformare la città diffusa in una megalopoli reticolare. Questa strategia si adatta alle grandi conurbazioni puntando su una doppia rete di mobilità: quella materiale costituita dal sistema delle infrastrutture (ferrovie, viabilità privata, percorsi d’acqua, ecc…) e quella immateriale costituita dalle reti informatiche che consentano telelavoro e comunicazione a distanza. Ma, al momento, questa ipotesi sembra confinata in campo teorico ed accademico.

043 Nutri-Menti

Un terzo pensiero, quello che oggi raccoglie più consensi, punta a ricreare ottimali condizioni ambientali trasformando le città in “smart city”. Le interpretazioni di questa definizione sono varie. Si va dalla eliminazione del sovra consumo energetico accompagnato dall’impiego di materiali ecologici, sino alla messa in campo di una città in cui tutto, dalla viabilità alla singola abitazione, è governato dal computer. E’ un concetto sfumato ed ambiguo che spesso entra nella propaganda di operazioni immobiliari per incrementarne i profitti.

Ma allora, come intervenire? Come controllare le trasformazioni edilizie, ad esempio, su Roma oggi? Vi espongo un’idea che non è solo mia (cfr, di Marco Pietrolucci, Verso la realizzazione di microcittà di Roma) e che dovrebbe essere sviluppata e verificata. Considerando l’inattualità di una visione unitaria, occorre pensare ad una città divisa in parti. Immaginiamo di suddividere il comune di Roma (che occupa una superficie di oltre 1.000 Kmq) in parti circoscritte (i Municipi, ma non solo), e di gestirle come microcittà integrate funzionalmente e socialmente attraverso un progetto urbano che limiti il consumo di suolo sfruttando aree degradate o abbandonate.

0944_COP_10392_Microcitta_ok.indd

Queste microcittà dovranno essere raccordate tra loro da un sistema di relazioni urbane composto di diversi livelli, anche indipendenti l’uno dall’altro:

una rete infrastrutturale che costituisca la struttura portante dell’intera città, privilegiando la mobilità pubblica;

un sistema del verde, che possa creare una rete di percorsi ciclopedonali, ma anche di aree attrezzate per lo sport e lo spettacolo;

un sistema museale diffuso, che espanda il turismo alle presenze archeologiche e monumentali lontane dal centro, ma che non abbia come poli solo i grandi musei ma anche molti MAAM;

un sistema per il tempo libero che eviti concentrazioni, e includa aree periferiche già provviste di polarità per lo spettacolo, la musica e lo svago.

un sistema per l’assistenza sociale e la sanità organizzato secondo i diversi livelli di competenza e specializzazione

un sistema della cultura e formazione, dalla scuola superiore alle sedi universitarie, ma che includa anche centri culturali autogestiti, biblioteche, mediateche, ecc…

un sistema dell’incontro e della integrazione sociale che abbia polarità nei grandi spazi aperti sia centrali che periferici

La speculazione e il malaffare, a mio avviso, oggi si combattono anche entrando nelle logiche di una nuova modernità, con una politica forte e con amministrazioni locali in grado di promuovere l’intervento pubblico ma anche di gestire e vincere l’inevitabile confronto con il privato.

047 Nutri-Menti

 

Pubblicato in ARCHITETTURA, ATTUALITA', CITTA' | Contrassegnato , , , , , | 4 commenti

ELLE, una delusione

elle-affiche-de-film-40x60-cm-2016-isabelle-huppert-paul-verhoeven

Dopo averne letto i commenti al Festival di Cannes 2016, le recensioni favorevoli di quasi tutti i critici e avere preso atto dei premi ricevuti (César come miglior film e migliore attrice, Golden Globe come migliore attrice) sono andato volentieri a vedere Elle, di Paul Verhoeven, con Isabelle Huppert, tratto dal libro Oh… dello scrittore francese Philippe Djian (che non ho letto).

coverlg_home

Trovavo inquietante, ma coraggioso sviluppare una storia di stupro, andando oltre il senso comune del rigetto di uno degli atti più disumani che si possano commettere contro la persona. Sapevo di trovarmi davanti alla vicenda di una donna matura, sessualmente libera, che avrebbe elaborato la stupro subìto in modalità diverse ed imprevedibili. Conoscevo anche Verhoeven come un regista in grado di gestire senza moralismi storie intricate.

EllePanel

E invece mi sono trovato a vedere un film pensato, scritto e diretto molto male. Gli scompensi di sceneggiatura e regia disturbano sin dall’inizio quello che doveva essere un thriller psicologico duro e violento. L’uomo mascherato in perfetta tuta alla Diabolik invece di spaventare fa sorridere. Le fragili porte vetrate della casa di Michelle vengono protette da nuove serrature mentre sarebbe bastato chiudere le persiane. Il figlio è un tontolone ingannato da una stereotipata furba ragazzetta. L’amante di Michelle è un macho arrapato, mentre l’ex marito è un coglionazzo che però acchiappa giovani ginnaste. La scuola di Yoga sembra una palestra di fighetti. Un parto dura, dalle doglie alla nascita, il tempo di un caffè. Madre e padre muoiono in un paio di giorni. Tragedie vissute e tragedie imminenti. E infine lo svelamento del violentatore con una faccia da amante del cinema muto. Se queste stranezze sono intenzionali per rappresentare i personaggi in modo caricaturale (o grottesco, come alcuni critici sostengono), allora perdono senso le intenzioni drammatiche esposte in una intervista dallo stesso Verhoeven su Elle come “donna che ha subito eventi fortissimi nella sua infanzia, scansando il vittimismo e il tormento… una sopravvissuta, formata da un episodio terribile”. Insomma su questa vicenda difficilmente possono convivere humour e dramma.
elle_h_2016

Così, in un guazzabuglio di personaggi e di eventi, la celebrazione di un piacere che va oltre le regole del conformismo, l’atteso ribaltamento del “politically correct” in nome di una sessualità libera ed incontrollabile, in definitiva quella che doveva essere la capacità eversiva del film si conclude nel più scontato moralismo di un finale in cui una donna ne esce sorridente in nome della fede, a altre due se ne vanno via felici nella ritrovata amicizia.

01.11_film_elle

Chiedo scusa al lettore se ho svelato qualche dettaglio di troppo, ma la mia delusione per questo film è pari allo sconcerto nei confronti di una critica che lo ha celebrato in modo quasi unanime. Dimenticavo: Isabelle Huppert è una sessantenne affascinante, unica cosa ammirevole nel film.

Pubblicato in ATTUALITA', CINEMA | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Stadio Flaminio alla Lazio: SI o NO?

stadio

Lo stadio Flaminio oggi nel contesto urbano

L’attuazione dello Stadio della Roma a Tor di Valle sembra in stand-by, e penso che ci vorrà ancora del tempo prima di capire le reali intenzioni della Amministrazione Raggi. Conosco il curriculum del nuovo assessore all’Urbanistica, l’architetto Luca Montuori, un progettista ben lontano dalle posizioni conservatrici del suo omologo, Paolo Berdini, che si dimise proprio sulla questione dello stadio. Mi auguro quindi che sia rivista la soluzione che eliminava, insieme agli edifici sviluppati in altezza, molte delle opere pubbliche necessarie alla funzionalità del complesso.

Primi del XX secolo: a sinistra  Rondinella (stadio Lazio), a destra Testaccio (stadio Roma) 

Ma in queste ultime settimane si è parlato anche dello Stadio della Lazio, perché secondo gli indirizzi internazionali, ogni grande società di calcio dovrebbe avere un suo proprio stadio. D’altra parte era così anche agli inizi del XX secolo, quando la lazio giocava alla Rondinella e la Roma  al Testaccio. Penso che due nuovi stadi pensati solo per il Calcio a Roma potranno salvare il Foro Italico, vittima di un progressivo degrado dovuto anche alle frequenti partite delle due squadre romane (cfr. su questo blog Cosa farei per Roma). Lo Stadio Olimpico e il Foro Italico, opportunamente risanati, potranno restare a disposizione per manifestazioni sportive e musicali di livello internazionale.

Lo Stadio Olimpico per grandi eventi internazionali

L’idea del Presidente della Lazio, Lotito, di riproporre a nord, sempre lungo il Tevere ma a monte della città, qualcosa di simile a quanto proposto a sud dal Presidente della Roma, Pallotta, sembra inverosimile e già bocciata in passato dalle precedenti amministrazioni. Il Comune invece, proprietario dello Stadio Flaminio in grave stato di abbandono, lo ha proposto alla Lazio che lo potrebbe ristrutturare e utilizzare integrandolo con altre funzionalità. Questa ipotesi presenta aspetti positivi e negativi. Cercherò di esaminarli.

Degrado dello Stadio Flaminio

L’area flaminia

romasparita_ld1903

L’area flaminia negli anni Cinquanta (prima degli interventi per le Olimpiadi)

Lo Stadio Flaminio è opera di Pier Luigi e Antonio Nervi, padre e figlio, costruito sul sito della demolizione dello Stadio Nazionale (Stadio Torino) per ospitare il Calcio nelle Olimpiadi del 1960. Costituiva parte di una profonda ristrutturazione dell’area Flaminia, già occupata, oltre che dal vecchio stadio, da un ippodromo, dal piccolo stadio della Rondinella (allora sede degli allenamenti della Lazio), alcuni campi da tennis e una baraccopoli (campo Parioli). Dal 1960 l’area è caratterizzata dal Villaggio Olimpico (progetto urbano e architetture di Vittorio Cafiero, Adalberto Libera, Amedeo Luccichenti, Vincenzo Monaco e Luigi Moretti. Poi INCIS, quindi ceduto ai privati), dal Palazzetto dello Sport (progetto di Pier Luigi Nervi e Vitellozzi) e appunto dal nuovo Stadio Flaminio con i suoi parcheggi. Verso la fine degli anni Novanta, con la realizzazione del Parco della Musica (Auditorium di Renzo Piano) sono scomparsi quasi tutti i parcheggi di superficie, dopo 15 anni la circolazione nell’area è ancora provvisoria, mentre strade e piazze del Villaggio Olimpico sono ciclicamente invase dalle auto.

00Flaminio

Stadio Flaminio, Il progetto dello Studio Nervi

Roma_Stadio_Flaminio_-_Villaggio_Olimpico_-_Ponte_Milvio

L’area flaminia subito dopo le Olimpiadi del 1960

Collocazione urbana, accessibilità e parcheggi.

Dunque l’utilizzazione dello Stadio Flaminio può essere l’occasione di una sistemazione definitiva dell’area, inserita in un quartiere già ricco di spazi pubblici (il parco di Villa Glori, l’Auditorium, il MAXXI,il Ponte della Musica che conduce pedonalmente proprio al Foro Italico) e che potrebbe essere ancor più valorizzato da una possibile ristrutturazione della vicina area degli ex magazzini militari. Ma proprio la presenza di altre attrazioni mette a rischio l’utilizzazione dello Stadio Flaminio, se non viene risolto il problema della accessibilità e della sosta e reso compatibile con i flussi del contiguo Parco della Musica. La viabilità tangente all’Auditorium va ridisegnata e resa più fluida. Anche se occorre incentivare l’uso del mezzo pubblico, l’accesso con l’auto privata va considerato inevitabile almeno per il 50% degli utenti di uno stadio di calcio. Per i mezzi pubblici funziona bene l’attuale tram in percorso protetto, che in 5-10 minuti si collega alla Stazione Metro di Piazzale Flaminio. Per il mezzo privato occorrerebbe realizzare due nuovi parcheggi: il primo almeno su due livelli interrati di fronte all’ingresso sud dello Stadio; il secondo, che risolverebbe anche il parcheggio per l’Auditorium, utilizzando linearmente la superficie a terra compresa sotto la proiezione del viadotto di Corso Francia che lambisce i due impianti. Ma qualche dubbio e rischio di congestione resta.

nervi

Ristrutturazione dell’impianto.

Lo Stadio Flaminio è sottoposto alla tutela dell’art.10 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, in quanto opera di interesse artistico e culturale con più di 50 anni di vita, disegnata da una grande firma dell’ingegneria e in teoria è anche tutelato dal diritto d’autore. In teoria, perché, giuridicamente, il diritto d’autore decade con la scomparsa dell’autore stesso. A mio avviso il problema è superabile affidando la ristrutturazione agli eredi dello Studio Nervi. Ma in cosa consisterebbe il progetto di ristrutturazione? Secondo gli standard FIFA uno stadio di calcio internazionale deve avere le tribune interamente coperte. La capienza per il pubblico della Lazio può attestarsi tra i 40 e i 45 mila posti a sedere. Attualmente lo Stadio Flaminio ne può contenere meno di 20.000. L’intervento di ristrutturazione quindi dovrebbe raddoppiarne la capienza, con l’effetto di alterare profondamente la forma originale. Un accordo tra Comune, Soprintendenza, Studio Eredi Nervi e S.S. Lazio potrebbe risolvere il problema. Il pregio dello stadio è soprattutto nelle strutture della tribuna ovest e della relativa copertura che dovrebbero restare inalterate. Si potrebbe realizzare un secondo anello limitato alle due curve e alla tribuna est, intervento tecnicamente non difficile e già realizzato in altri stadi (anche nello stesso Stadio Olimpico di Roma, Tribuna Tevere). In questo caso con la complicazione però di una linea di colmo delle gradinate che si abbassa in corrispondenza delle curve. A seguire, e a puro titolo indicativo, mostro uno studio progettuale di Gruppo SPA pubblicato sul web.

2

3

Studio (pianta e sezioni) per l’ampliamento dello Stadio Flaminio di Gruppo SPA (2012)

Procedure e opere accessorie

La legge sugli stadi (27/12/2013 n. 147) prevede che il proponente presenti uno studio di fattibilità:… questo non può prevedere altri tipi di intervento, salvo quelli strettamente funzionali alla fruibilità dell’impianto e al raggiungimento del complessivo equilibrio economico-finanziario dell’iniziativa e concorrenti alla valorizzazione del territorio in termini sociali, occupazionali ed economici… e aggiunge: in caso di interventi da realizzare su aree di proprietà pubblica o su impianti pubblici esistenti, il progetto approvato e’ fatto oggetto di idonea procedura di evidenza pubblica… Alla gara e’ invitato anche il soggetto proponente, che assume la denominazione di promotore. Il bando specifica che il promotore, nell’ipotesi in cui non risulti aggiudicatario, può esercitare il diritto di prelazione… Trattasi quindi di un accordo pubblico-privato nel quale il proponente richiede la realizzazione di volumetrie private (ma non residenziali) a compensazione delle opere di funzionalità pubblica che valorizzino il contesto urbano. E’ una procedura simile a quella del progetto della Roma a Tor di Valle, ma con la differenza che lo Stadio Flaminio resterebbe di proprietà pubblica, in gestione a lungo termine alla S.S. Lazio. Le opere accessorie naturalmente dovrebbero essere simili a quelle previste a ridosso dello Stadio della Roma, ovvero, oltre alla viabilità, ai parcheggi e alla risistemazione del verde pubblico, attività commerciali orientate allo sport, attrezzature per il ristoro e il tempo libero, spazi espositivi, ecc… Naturalmente non il business center che nel progetto di Tor di Valle doveva coprire gli alti costi delle nuove infrastrutture per un’area non urbanizzata.

area flaminia

L’area flaminia con i suoi edifici pubblici

In definitiva una operazione delicata e con qualche rischio, che, a mio avviso, non dovrebbe essere concentrata a ridosso del nuovo stadio, ma diffusa sull’intera area flaminia, magari utilizzando anche parte degli ex Magazzini Militari, un’area già acquisita da privati (Cassa Depositi e Prestiti), che hanno portato a compimento due anni fa un concorso di valorizzazione che prevedeva anche la realizzazione del Museo della Scienza (cfr su questo blog: Due iniziative in area MAXXI per Roma)

 

Pubblicato in ARCHITETTURA, ATTUALITA', CITTA' | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

La presenza del passato tra fotografia e cinema

MAIL_Ascension-2000x1350Non è possibile definire solo videoarte il lavoro di Bill Viola. Lo furono certamente le prime opere, tra cui The Reflecting Pool (1977-79), che, si dice, nacque dal ricordo di una caduta in acqua da piccolo, oppure la celebre Chott el-Djerid, A Portrait in Light and Heat (1979-81), che indicò percorsi espressivi per molti altri artisti del videotape. Ma le opere più recenti, nate con le applicazioni video in alta definizione (HD) – nel passaggio di secolo e nella piena maturità artistica – a mio avviso sono l’invenzione di un nuovo dispositivo espressivo, che si colloca in posizione intermedia tra fotografia e cinema.Visitazione-Greeting

E’ fotografia perché l’immagine appare spesso fortemente rallentata e comunque è in una condizione di fissità tale da essere valorizzata in tutti i suoi dettagli. E’ cinema, perché ogni opera richiede una precisa sceneggiatura, teatri di posa, location o scenografia adeguata, alta tecnologia di ripresa, folto cast di attori, decine di tecnici e molte prove.

Caterina a confronto

Ma non basta ancora. L’artificio che consente questa doppia e ambigua sospensione tra fotografia e cinema è fondato su un utilizzo particolare dello spazio e del tempo. La camera è sempre fissa e lo spazio è occupato dai movimenti degli attori che avvengono lungo l’asse di visuale (dal fondo al primo piano o viceversa) oppure l’asse trasversale (da destra a sinistra e viceversa), oppure ancora attorno a se stessi (rotazione degli attori). E’ uno spazio cartesiano, mai obliquo, quindi statico. Gli unici elementi dinamici, in movimento, sono i materiali abituali di Viola: l’acqua, il fuoco, la terra e il vento. Anche il tempo è condizionato e sempre alterato rispetto alla realtà: rallentamenti anche a 300 fotogrammi/sec., inversione temporale (visione del girato al contrario, dalla fine all’inizio), lunghi tempi di attesa che anticipano eventi topici e fragorosi.

Cristo a confronto

La mostra (Bill Viola, Rinascimento Elettronico) che si è aperta il 10 marzo a Firenze (Palazzo Strozzi) e che chiuderà il 23 luglio, espone quasi esclusivamente i lavori compresi negli ultimi venti anni. Ma con un valore aggiunto, che vale da solo la visione anche per chi già conosce le opere del maestro newyorkese. Le installazioni video sono presentate accanto alle opere di pittura rinascimentale che hanno ispirato l’autore. Oltre ad essere fortemente contemporanee per le tecniche impiegate e per le emozioni che suscita nello spettatore, le opere di Viola si confrontano sui temi, sui colori e sui significati di altre opere di molti secoli prima, appartenenti al nostro Rinascimento. Così The Greeting (1995) è accompagnata dalla Visitazione (1528-29) del Pontorno; Catherine’s Room (2001) dalla Santa Caterina da Siena di Andrea di Bartolo (1394-98); Emergence (2002) dalla Cristo in Pietà di Masolino da Panicale (1424), The Deluge (2002 – vedi sotto 2 minuti centrali del video di 36′) dalla Diluvio  e Recessione delle Acque di Paolo Uccello (1439-40), e così via. Una mostra da non perdere.

c5f295_3262667aec6b46ef827d07f5c6f950eb-mv2

Play video THE DELUGE

Pubblicato in ATTUALITA', CINEMA, FOTOGRAFIA, VIDEO | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Naturale e Innaturale

foto

Non me ne vogliano i 10 milioni di spettatori, ma la decadenza del cinema italiano è sancita dal successo delle fiction su Montalbano. Per fortuna, però, la stessa RAI che produce sceneggiati di bassa qualità cinematografica, ma di alto richiamo per il pubblico televisivo italiano, nella sezione RAI Cinema svolge un lavoro importante di promozione dei giovani italiani di talento. Il Padre d’Italia non è un film eccezionale, ma certamente da vedere. Consente ad un giovane regista al secondo lungometraggio, Fabio Mollo, di confezionare un racconto coinvolgente, sia perché nel vivo di alcune problematiche attuali (l’omosessualità, la paternità/maternità, la solitudine dell’abbandono), sia perché interpretato da due attori veri: un Luca Marinelli strepitoso e una Isabella Ragonese intensa come sempre.

Il_padre_d'Italia

La storia ribalta il concetto di “naturale” e “innaturale” applicandolo non tanto al tema della omosessualità in sé, quanto al problema dei figli. Come dice il protagonista Paolo in una battuta verso la conclusione del film “la natura concede ad un uomo ed una donna di concepire un figlio, ma è innaturale che questo non sia concesso all’amore tra due uomini”. Il film rappresenta anche l’affetto che nasce tra un giovane uomo e una giovane donna, man mano che scoprono come le loro diverse identità, non solo sessuali ma anche nella scelta di vita, si possano unire in risposta alla solitudine. So di proporre un paragone indegno, ma il rapporto tra i due protagonisti, Paolo e Mia, mi ha ricordato il capolavoro di Ettore Scola, Una Giornata Particolare.

coverlg_home

Infine una considerazione forse un po’ severa, ma condivisibile: Il Padre d’Italia mostra anche a chi ama il cinema come, tra il soggetto e la regia, ci sia il passaggio fondamentale della sceneggiatura. Nel film quest’ultima non appare priva di sviste e semplificazioni che indeboliscono la concretezza del racconto. Ottima comunque la regia e la fotografia, accompagnate da una musica, forse un po’ scontata, ma appropriata al film.

Pubblicato in ATTUALITA', CINEMA | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Chi è soddisfatto?

stadiodellaromatordivalle0002332

Scrivo queste note a caldo quando sembra siglato l’accordo per la realizzazione dello stadio della Roma a Tor di Valle, ma ancora non sono chiari i dettagli della trattativa tra il Comune di Roma (amministrazione Cinquestelle) e la società proponente (AS Roma e Parsitalia). Certamente la querelle non finisce qui e il percorso per la realizzazione dello stadio con i suoi servizi, infrastrutture e business center sarà ancora lungo.

Comunque nella tarda serata del 24 febbraio, concluse le riunioni, è soddisfatta la Raggi con la sua maggioranza Cinquestelle perché non perderà elettori, è soddisfatta la A.S. Roma perché potrà mettere a business la società, sono soddisfatti i tifosi della Roma che avranno il loro stadio, sono soddisfatti i costruttori perché comunque porteranno avanti un affare immobiliare. Non sarà invece soddisfatta la città di Roma e vi spiego perché.

Premesso che la compensazione finanziaria in un accordo pubblico-privato non si misura in termini di cubatura ma sul rapporto tra costi per le opere pubbliche e ricavi dalle volumetrie private, va ricordato che, nell’area di Tor di Valle, l’incremento notevole di cubatura privata rispetto al Piano Regolatore (che prevedeva 350.000 metri cubi) corrispondeva agli alti costi di opere infrastrutturali che la precedente amministrazione aveva imposto ai costruttori proponenti.

La vocazione dell’area di Tor di Valle alla realizzazione dello stadio con le sue attrezzature si fondava su alcuni presupposti: l’area era già di proprietà della società proponente, non aveva alcun vincolo archeologico, ma solo alcuni problemi ambientali risolvibili; era fortemente degradata; ma soprattutto aveva vantaggi di accessibilità, problema fondamentale per quanto riguarda uno stadio che vedrà il movimento di circa 50.000 persone nello spazio di poche ore:

  • a nord, oltre il Tevere, scorre l’Autostrada per Fiumicino/Civitavecchia e si attesta la ferrovia per Fiumicino con una Stazione (Magliana) già in funzione;
  • a sud scorre la Via del Mare con la sua parallela via Ostiense e si attesta la ferrovia Roma-Lido con la stazione Tor di Valle

planimetria

Avere in tangenza due sistemi infrastrutturali importanti è una  condizioni ottimale nel caso di un impianto sportivo che richiama decine di migliaia di persone, parte in auto privata e parte col mezzo pubblico, perché in questi casi è fondamentale avere più di un punto di afflusso e di deflusso. L’area aveva questa vocazione, ma occorrevano opere di raccordo. Così la precedente amministrazione aveva condizionato il sì al progetto dello stadio alla realizzazione di opere pubbliche extra per circa 200 milioni di euro (oltre quelle previste dagli standard di legge, e cioè le reti di servizio, i parcheggi e l’enorme parco sull’intera ansa del fiume) equivalenti ai costi delle  opere infrastrutturali che consolidano il pubblico interesse:

  1. svincolo con l’autostrada per Fiumicino e bretella di accesso ai parcheggi dello stadio con raccordo stradale alla Via del Mare;
  2. ponte ciclo-pedonale sul Tevere e binari per navetta di collegamento con la stazione FL1 di Magliana;
  3. riqualificazione della Stazione FL1 Magliana;
  4. allargamento e adeguamento della pericolosa Via del Mare, unificandola con la parallela via Ostiense, doppio accesso ai parcheggi dello stadio e all’area ad uffici;
  5. riqualificazione della Stazione Tor di Valle sulla Roma-Lido;
  6. messa in sicurezza del Fosso di Vallerano.

Era anche stato previsto in un primo momento l’allungamento della Linea B della Metro, ipotesi poi accantonata. Erano tutte opere pubbliche da realizzare contestualmente allo stadio, da tempo programmate ma non finanziate (e attualmente non finanziabili), che servono un ambito territoriale importante per la città: quello che dall’Eur va verso il Lido di Roma e l’aeroporto di Fiumicino.

L’accordo del 24 febbraio, dimezzando la volumetria di compensazione, ha dovuto eliminare anche parte di queste opere, le prime tre dell’elenco, abolendo qualsiasi relazione di mobilità con l’autostrada e la ferrovia a nord. Quindi 50.000 persone si troveranno ad accedere allo stadio con mezzo privato solo dalla Via del Mare e con mezzo pubblico solo dalla Roma-Lido. La Via del Mare confluisce a San Paolo e sarà caos; la Roma Lido è già oggi sollecitata da un peso enorme di passeggeri. Sull’affermazione della Sindaca che il resto delle opere pubbliche già previste si faranno in una seconda fase, lascio al lettore la valutazione del grado di credibilità.

Le presunte “conquiste” della Raggi che riguarderebbero, oltre alla riduzione di volumetria, la classe di risparmio energetico, i materiali innovativi, ecc… o erano già previste dai costruttori o, come si dice, è “fuffa” per gli ingenui. La riduzione della volumetria privata (si parla del 50-60 %) è un fatto positivo per alleggerire la mobilità, ma solo in parte ai fini della qualità ambientale e architettonica. E qui entra in gioco la propaganda della cultura conservatrice (di ogni sponda politica) che in nome non si sa bene di quale valutazione estetica, ripetendo con ossessione lo sguaiato termine di “colata di cemento”, combatte gli edifici alti che consentono di risparmiare suolo, avere più verde e possono costituire una importante emergenza urbana. In tutto il mondo vengono apprezzati, anche a Milano con il successo del “bosco verticale”, nella periferia di Roma invece no. Costoro tanto discutono di quantità volumetriche, quanto poco parlano di qualità architettonica. Roma è stata per decenni in mano ai grandi speculatori immobiliari che con le loro palazzine ne hanno costruito una immagine piatta e volgare. Ma oggi chi crede ancora di potere redimere la città semplicemente cancellando la rendita e si allea con la cultura del “rasoterra” (in tutti i sensi) ottiene paradossalmente lo stesso risultato: una città che ha la sua forza solo al centro dove si è depositata la sua millenaria storia. Al di fuori è senz’anima.

Come ha scritto in un bell’articolo su La Repubblica Paolo Di Paolo “lo skyline della città eterna è un eterno fermo immagine”, e più avanti, “…sulla eternità del passato di Roma nessuno può avere dubbi; sulla sepoltura del suo futuro cominciamo ad averne troppi”.

 Roma

Pubblicato in ARCHITETTURA, ATTUALITA', CITTA' | Contrassegnato , , , | 29 commenti

Ma voi avete capito?

pd

Credo che non solo coloro che assistono distrattamente alle vicende della attualità nazionale, ma anche quelli che si appassionano di politica e che seguono quotidianamente su giornali, telegiornali e talk show quanto accade in Italia e nel mondo, e persino gli iscritti o i militanti dei partiti, non siano riusciti a capire cosa stava accadendo tra i quadri dirigenti del nostro Partito Democratico.

Sulle pagine immateriali di questo blog ho già parlato della difficoltà dell’architetto nel comunicare e spiegare un progetto di architettura. Ma in politica il problema è ancora più grave. Se fosse quello di capire il senso di un referendum sulle trivelle o i termini di una riforma costituzionale ancora sarebbe giustificato dalla complessità di alcune questioni di carattere amministrativo e giuridico. Temo però che si manifesti una realtà che investe tutti i partiti o movimenti, anche quelli che del rinnovamento del linguaggio e della comunicazione hanno fatto la loro bandiera: la politica non comunica più con la gente? Ma attenzione, non solo – come dicono in tanti – perché non si fa carico di problemi reali, quanto proprio perché non riesce più a farsi capire, quasi parlasse una lingua diversa. E perché parla una lingua diversa?

Come elettori la si può anche pensare diversamente, ma a differenza di tutti gli altri partiti o movimenti solo il Partito Democratico ha il coraggio di esporsi in streaming TV (e spesso anche su canali nazionali) non solo per occasioni celebrative, ma anche per svelare democraticamente i propri dissidi e le proprie debolezze. Ora le ipotesi sono due. La prima è che, veramente, la politica usi un linguaggio incomprensibile alla gente; eppure nelle interviste e nei talk show, per quanto affogati in un mare di luoghi comuni, le parole ad effetto ci sono e vengono scambiate con scontri verbali anche noiosamente violenti. La seconda, che io credo più veritiera, è che questo linguaggio incomprensibile sia il linguaggio personale di pessimi attori della politica, quando hanno bisogno di mascherare le proprie debolezze, la mancanza di idee o addirittura le lotte di potere.

Riporto uno stralcio letterale di quanto ha detto il Governatore della Puglia, Michele Emiliano, nella fase finale della recente Assemblea nazionale del PD: Vi consegno stasera con la massima determinazione ma anche affetto e rispetto, consegno al segretario la possibilità vera e reale di togliere anche a me ogni alibi al processo di scissione: siete in grado di dare una mano a Renzi a risolvere un problema che è solo di metodo per evitare un esito negativo, condividere una strada che metta insieme un punto di vista dei tre candidati. Cosa capite da queste parole? Io nulla.

In realtà avevo seguito in diretta l’intero intervento di Emiliano e ne avevo tratto la conclusione che il rivoltoso facesse un passo indietro rispetto alla volontà di scissione, anche riconoscendo al segretario dimissionario il pieno diritto a ricandidarsi, anzi augurandogli espressamente di vincere! Ipotesi confermata dal generale stupore della platea, dai giornalisti e dalle interviste ad alcuni protagonisti della vicenda. Poi in serata la smentita di Emiliano espressa in modo paradossale: avevo fatto una richiesta alla quale nessuno ha risposto. Io mi sono riletto ancora le parole sopra riportate: ma quale era la richiesta?

Spegnendo la TV o ripiegando il giornale, sale la grande amarezza di non avere capito perché e come si possa mandare all’aria un partito che era riuscito a mettere insieme i valori delle principali forze socialiste, democratiche e progressiste, vagheggiato nella profezia di Enrico Berlinguer

Pd: Emiliano, si vota febbraio, solo Renzi finge non capire

Pubblicato in ATTUALITA' | Contrassegnato , , , | 2 commenti