Exit West: attraverso le porte del mondo

9788806233884_0_0_0_80.png

In queste ultime settimane il problema delle migrazioni attraverso il Mediterraneo ha aperto scenari tanto drammatici quanto irrisolvibili. La quantità degli arrivi in rapporto ai tempi necessari per l’accoglienza e l’integrazione – soprattutto nei paesi europei che soffrono la disoccupazione – crea disagio e molta intolleranza. La condizione geografica dei paesi UE che affacciano sul Mediterraneo centro orientale sembra essere l’unica discriminante tra chi accoglie e salva da morte sicura i migranti e chi invece elude il problema in una sorta di negazionismo della tragedia in atto. La cosa ancora più inquietante è che proprio i paesi europei – guarda caso i più ricchi – che per molti decenni hanno saputo accogliere e gestire le migrazioni dall’Africa quasi come redenzione per le malefatte dell’imperialismo coloniale, oggi sono i più decisi avversari dell’accoglienza. Sarebbe come dire: noi le nostre colpe le abbiamo sanate e la nostra parte l’abbiamo fatta, ora tocca a voi, lavate anche voi le colpe dell’occidente!

160313_Idomeni_40-1000x600

Ma è impossibile chiudere le porte del mondo. Ce lo racconta Exit West, un libro uscito da poco che consiglio di leggere. E’ un libro diretto e visionario. Il suo autore, Mohsin Hamid, pakistano, vissuto negli Stati Uniti, aveva scritto una decina di anni fa Il Fondamentalista Riluttante, portato poi con successo al cinema da Mira Nair. Grazie ad alcuni dispositivi narrativi la tragedia delle migrazioni dalle guerre del Sud nel mondo dell’Ovest viene descritta senza ordine di tempo nè di spazio. Storie che vengono dal futuro, ma uguali ad altre storie di oggi e del passato. E’ la narrazione di un tenero e casto amore immerso nel disagio della proliferazione delle migrazioni globali. Nel melting pot il migrante che ha perso la propria identità nativa ne ritrova un’altra ad un livello più alto, perché tutti sono stranieri e quindi tutti sono uguali.

exit-west-illustration.jpg.size.custom.crop.547x650

Il libro ci parla di questa gente senza nome e senza patria. Ma è un popolo che esprime dignità più che sofferenza, comprensione più che rabbia, speranza più che rassegnazione, diffidenza più che paura, solidarietà più che competizione. Nel mondo del Sud il conflitto distrugge la famiglia, la casa, la città, ma nel mondo dell’Ovest l’emigrante perde l’eguaglianza e il radicamento. E continua a spostarsi. Eppure questo Ovest non può chiudere le porte. Minaccia e controlla, ma infine perde e una sorta di resilienza globale riporterà la pace, e poi, forse, la pace finirà e tornerà la guerra. Ognuno di noi nasce, cresce, invecchia e muore. Perché siamo tutti emigranti, alcuni nello spazio, ma tutti nel tempo.

Annunci

Informazioni su umbertocao

Architetto romano per molti anni impegnato a progettare e costruire, quindi professore universitario di Progettazione Architettonica a Roma, Catania ed Ascoli Piceno dove è stato anche Preside per molti anni. Oltre alla architettura, si interessa di cinema, pratica la fotografia e i video, riflette sull'attualità culturale e politica.
Questa voce è stata pubblicata in ATTUALITA' e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Exit West: attraverso le porte del mondo

  1. Anonimo ha detto:

    OK mi hai convinto lo compro!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...