I limiti del surreale

nel film Lo chiamavano Jeeg Robot.

jeeg-robot-1

Il cinema è invenzione e fantasia. Così il surreale ha una lunga tradizione avviata con i maestri del muto, Keaton e Chaplin, proseguita con Buñel e Jodorowsky, Cronenberg e Lynch, sino ai recenti raffinati film di Andersson (Un Piccione seduto su un ramo…) e di Von Dormael (Dio esiste e abita a Bruxelles). Similmente il cinema ha celebrato la narrazione oltre il reale con i supereroi del fumetto, la fantascienza e i fantasy. Ma il cinema è anche rappresentazione della realtà, ora leggera, complice e sentimentale, ora cruda, critica e drammatica. Come è anche ironia, paradosso e gioco. Grandi autori hanno sperimentato contaminazioni tra i “generi”, mettendo insieme o alternando realismo e ironia, violenza e paradosso. Tarantino e i Fratelli Coen ne sono oggi la massima espressione.

Più difficile è coniugare il reale estremo con la fantasia surreale e pochi ci hanno provato, tra cui, oggi, Gabriele Mainetti con gli sceneggiatori Guaglianone e Menotti. Il tentativo funziona poco, anche per alcuni deboli passaggi di sceneggiatura e regia. Lo spettatore resta più sorpreso che coinvolto, in una altalena di situazioni e tonalità che oscillano tra l’estremo realismo e il disincanto fumettistico, con il risultato di annullarsi a vicenda. Per quanto ammirevole e coraggioso dal punto di vista della sperimentazione, il film risulta confuso e dispersivo. Piace però ai giovani e giovanissimi, proponendosi come un imprevedibile film cult . Se non altro, proprio per questo va visto.


		
Annunci

Informazioni su umbertocao

Architetto romano per molti anni impegnato a progettare e costruire, quindi professore universitario di Progettazione Architettonica a Roma, Catania ed Ascoli Piceno dove è stato anche Preside per molti anni. Oltre alla architettura, si interessa di cinema, pratica la fotografia e i video, riflette sull'attualità culturale e politica.
Questa voce è stata pubblicata in CINEMA e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...